No

Popolazioni di specie agricole e semi delle comunità.

Massimo Angelini

Il Comizio Agrario organizza un seminario dal titolo “Popolazioni di specie agricole e semi delle comunità” con la presenza di Massimo Angelini sabato 17 marzo 2018 alle ore 10 presso la propria sede in Piazza Ellero n. 45 a Mondovì, nell’ambito del progetto “CaDiBiA” (Casa diffusa della biodiversità agraria).

Massimo Angelini, filosofo e autore di numerosi saggi tra cui “Minima ruralia. Semi, agricoltura contadina, ritorno alla terra”, e “Participio futuro. Dalla terra alla bellezza per tornare al simbolo” dialogherà con i presenti sul senso profondo del ritorno alla terra, del rapporto indissolubile tra comunità, sementi e biodiversità.

«Le varietà tradizionali sono un patrimonio delle comunità rurali formato nel tempo delle generazioni: in questo tempo lungo sono state selezionate, addomesticate, conservate, tramandate (per questo le diciamo “tradizionali”), e continuamente si sono adattate» scrive Massimo Angelini. «E adattandosi, poco o tanto, sono mutate senza interruzione: in armonia con i cambiamenti di terra e clima del luogo dove anno dopo anno sono state riprodotte e in armonia con le innovazioni introdotte dalle comunità locali con lentezza e nel solco della continuità.

L’accostamento delle parole, “tramandate” e “mutate”, ci ricorda che la tradizione e il mutamento stanno bene insieme: l’una senza l’altra non possono stare senza dare vita a eccessi e distorsioni. Il cambiamento che non conosce la continuità genera innovazioni senza radici, senza contesto, senza dare tempo alla comunità di accoglierle, di apprenderne il corretto uso e farne bene comune. Genera innovazioni isolate, e distanti come un’eresia dalla conoscenza acquisita e collettivamente condivisa nel tempo delle generazioni; senza rispetto per il senso della vita di innumerevoli persone che ci hanno preceduto e, insieme, ci hanno consegnato cosa, invece, così è negato. D’altra parte, la tradizione senza lento cambiamento, se non arriva a fissarsi in un canone confermato dal consenso comune e validato dal tempo, è solo ripetizione senza vitalità buona per i musei o per la nostalgia, è solo caricatura del passato e parodia della vita; senza rispetto per il senso della vita di innumerevoli persone che ci seguiranno e alle quali non resterebbe l’imitazione di un lascito sterile».

Tel. 0174. 42114

Info: segreteria@comizioagrario.org

 

No comments

You can be the first one to leave a comment.

Post a Comment